Mercoledì, 04 Aprile 2018 11:35

Carta dei Servizi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Carta dei Servizi

La Carta dei servizi del Liceo Scientifico “Nino Cortese” ha come principi ispiratori gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione Italiana.

Essa si compone di:

  • Principi fondamentali
  • Parte I: Area didattica
  • Parte II: Servizi amministrativi
  • Parte III: Condizioni ambientali della scuola e sicurezza
  • Parte IV: Procedura dei reclami e autovalutazione dell’Istituto
  • Parte V: Attuazione

Principi fondamentali

Uguaglianza

Nessuna discriminazione nell'erogazione del servizio scolastico può essere compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socioeconomiche.

Imparzialità e regolarità

L’erogazione del servizio scolastico sarà effettuata secondo criteri di obiettività ed equità.

La scuola, attraverso tutte le sue componenti e con l’impegno delle Istituzioni collegate, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative, anche in situazioni di conflitto sindacale, nel rispetto dei principi e delle norme sancite dalle legge e in applicazione delle disposizioni contrattuali in materia.

Accoglienza e integrazione

La scuola si impegna con opportuni e adeguati atteggiamenti ed azioni di tutti gli operatori del servizio a favorire l’accoglienza dei genitori e degli alunni, l’inclusione e l’integrazione di questi ultimi, con particolare riguardo alla fase di ingresso alle classi iniziali e alle situazioni di disagio scolastico. Gli strumenti utilizzati sono:

  • incontro di presentazione, all’inizio dell’anno scolastico, con gli studenti e i genitori delle classi prime;
  • attività di sostegno e recupero per gli studenti in difficoltà, monitoraggio assenze , comunicazione alle famiglie.

Obbligo scolastico e frequenza

Il proseguimento degli studi e la regolarità della frequenza sono assicurati con interventi di prevenzione e controllo dell'evasione scolastica da parte di tutte le istituzioni coinvolte, che collaborano tra loro in modo funzionale ed organico. La scuola si impegna a controllare la regolarità della frequenza degli studenti (assenze, ritardi, uscite anticipate). Le modalità di tale controllo sono indicate nel Regolamento d’Istituto, e sono controllate periodicamente dai docenti sul registro elettronico.

Regolarità del servizio

La scuola garantisce in ogni momento, attraverso l’azione di docenti e personale ausiliario, la vigilanza e la continuità del servizio.

In caso di scioperi o di assemblee sindacali in orario di lavoro del personale, la scuola si impegna a fornire informazioni adeguate agli studenti e alle famiglie sul registro di classe o sul sito della scuola.

In caso di imprevisti di qualsiasi natura la scuola si impegna a ridurre al minimo i disagi per l’utenza, garantendo, nei limiti del possibile,  la regolarità del servizio e della vigilanza e  l’informazione alle famiglie. Nella destinazione delle risorse darà la priorità alla gestione degli studenti minorenni.

Partecipazione

  • Il personale scolastico, i genitori, gli alunni sono protagonisti e responsabili dell’attuazione della “Carta” attraverso una gestione partecipata della scuola nell’ambito degli organi e delle procedure vigenti. I loro comportamenti devono favorire la più ampia realizzazione degli standard generali del servizio.
  • Al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, la scuola garantisce la massima semplificazione delle procedure ed un’informazione completa e continua.
  • La scuola, con la collaborazione dell’Ente Locale, si impegna a favorire le attività extra-scolastiche che la rendano centro di promozione culturale, sociale e civile, consentendo l’uso degli edifici e delle attrezzature fuori dell’orario del servizio scolastico.

Efficienza

Il lavoro scolastico ed in particolare l’orario di servizio di tutte le componenti si informa a criteri di efficienza, efficacia e flessibilità sia nell’organizzazione dei servizi amministrativi che  dell’attività didattica e dell’offerta formativa integrata.

La scelta dell’orario iniziale e finale delle lezioni è subordinato alla organizzazione del servizio trasporti e alla necessità di favorire lo svolgimento di attività anche extra-scolastiche.

La definizione dell’orario tiene conto della condivisione di alcuni docenti con altre scuole e dei seguenti criteri didattici:

  • rapporto equilibrato tra discipline a carattere teorico e quelle di tipo espressivo ed operativo;
  • razionale suddivisione all’interno della settimana delle ore di una stessa materia;
  • mantenimento di un blocco di due ore per le discipline che prevedono lo svolgimento di verifiche scritte.

Trasparenza

Il liceo Cortese considera la trasparenza una condizione fondamentale per garantire la partecipazione democratica e la corretta gestione del servizio pubblico.

A tal fine individua i seguenti strumenti principali:

  1. Gli Organi collegiali: Consiglio di Istituto, Consigli di classe, aperti due volte l’anno alla componente genitori e alunni;
  2. La Bacheca generale d’Istituto rivolta agli utenti e al personale della scuola con esposizione di:
    1. Tabella orario di lavoro dei dipendenti (orario docenti, orario e dislocazione del personale);
    2. Organigramma degli spazi e degli uffici (presidenza, servizi, laboratori, aule ecc.);
    3. Organigramma degli organi collegiali;
    4. Organico del personale docente e ATA;
    5. Scadenze fondamentali dell’anno scolastico;
    6. Regolamenti e POF;
    7. Albo sindacale;
    8. Piano di evacuazione;
  3. I documenti consultabili a richiesta in Presidenza o in Segreteria:
    1. i verbali del Consiglio di Istituto e del Collegio dei docenti;
    2. i piani di lavoro disciplinari e del consiglio di classe;
    3. i programmi svolti e controfirmati dagli studenti;
  4. Il sito della scuola liceoscientificocortese.gov.it su cui consultare ed acquisire on line i seguenti documenti: POF, Carta dei Servizi, Regolamenti, Patto di corresponsabilità, Modulistica, Calendario di massima delle scadenze; Organico del personale docente e ATA; Organigramma degli organi collegiali; Albo sindacale;
  5. Il libretto dello studente in cui sono presenti:
    1. le giustifiche delle assenze, i ritardi e le uscite anticipate;
    2. Le comunicazioni a studenti e famiglie:

La comunicazione agli studenti avviene attraverso:

  • Avvisi e Circolari;
  • Comunicazioni scritte sul Registro di classe cartaceo/ elettronico
  • Il sito della scuola

La scuola si impegna a dare gli avvisi con un congruo anticipo. La comunicazione con le famiglie avviene attraverso:

  • Il libretto dello studente;
  • Il registro elettronico;
  • I colloqui informativi che si effettuano durante le ore di ricevimento e in due pomeriggi nel corso dell’anno (l’orario di ricevimento viene affisso in bacheca e pubblicato sul sito della scuola);
  • La comunicazione in pagella degli esiti del quadrimestre;
  • I consigli di classe aperti alla componente genitori;

La consultazione dei documenti

La scuola concede la possibilità, ai sensi della Legge 241/90, previa domanda motivata, di ottenere le copie delle parti relative alla situazione dello studente interessato nei registri degli insegnanti, nel registro di classe e nel verbale di seduta di scrutinio. Si ricorda che, ai sensi della vigente legislazione sulla Tutela della Privacy, non è invece consentita la comunicazione degli stessi dati relativi a studenti diversi da quello direttamente interessato;

Libertà di insegnamento ed aggiornamento del personale

  1. La programmazione e la progettualità assicura il rispetto della libertà di insegnamento dei docenti e garantisce la formazione dell’alunno facilitandone le potenzialità evolutive e contribuendo allo sviluppo armonico della personalità, nel rispetto degli obiettivi formativi nazionali e comunitari, generali e specifici recepiti nei piani di studi.
  2. L’aggiornamento del personale è considerato condizione indispensabile per un servizio di qualità. La scuola intende configurarsi come laboratorio di sviluppo professionale in cui tutte le risorse umane arricchiscono la propria formazione in sintonia con le linee di indirizzi definite dalle Direttive Ministeriali.

PARTE I 

Area didattica

  1. La scuola con l’apporto delle competenze professionali del personale e con la collaborazione e il concorso delle famiglie, delle istituzioni e della società civile, è responsabile della qualità delle attività educative e si impegna a garantire l’adeguatezza alle esigenze culturali e formative degli studenti nel rispetto di obiettivi educativi validi per il raggiungimento delle finalità istituzionali.
  2. La scuola individua ed elabora gli strumenti per garantire la continuità educativa tra diversi ordini e gradi dell’istruzione al fine di promuovere un armonico sviluppo della personalità degli alunni.
  3. La scuola si impegna a garantire la crescita cognitiva e meta- cognitiva dello studente attraverso rapporti tra docenti ed alunni improntati al rispetto reciproco e all’autorevolezza. Quando necessario non sono esclusi i richiami che avranno funzione educativa, evitando di assumere carattere mortificante o punitivo.
  4. In piena considerazione dello studente, del suo profilo formativo, dei suoi bisogni, si organizza lo studio autonomo e si razionalizzano i tempi con gradualità e funzionalità. Inoltre ci si impegna ad assicurare agli alunni, nelle ore extrascolastiche, il tempo da dedicare ad altre attività necessarie alla propria formazione e all’acquisizione dei crediti.
  5. La scuola si impegna ad organizzare attività di recupero, sostegno e potenziamento delle eccellenze, in itinere o in momenti extracurricolari.
  6. Nella scelta dei libri di testo e delle strumentazioni didattiche, la scuola assume come criteri di riferimento la validità culturale, la funzionalità educativa, con particolare riguardo agli obblighi formativi, l’annualità, l’economicità e la rispondenza alle esigenze dell’utenza. I testi proposti per l’adozione vengono messi a disposizione dei genitori che ne possono prendere visione ed esprimere un parere all’interno dei consigli di classe e d’interclasse. Il Collegio dei docenti delibera l’adozione.
  7. I testi sono integrati da attrezzature didattiche diversificate (biblioteca, laboratori,audiovisivi, sussidi multimediali, dispense, materiale didattico preparato dagli insegnanti).
  8. La scuola garantisce l’elaborazione e la pubblicazione del POF da parte dei docenti e del Dirigente Scolastico sulla base dell’itinerario tracciato dalle direttive ministeriali. Sarà redatto entro il mese di ottobre di ogni anno, affisso all’albo e pubblicato sul sito web della scuola. Una copia sarà depositata presso la segreteria. 

PARTE II 

Servizi amministrativi

La scuola individua, fissandone, pubblicandone e garantendone l’osservanza ed il rispetto, i seguenti fattori di qualità dei servizi amministrativi:

  • celerità delle procedure;
  • trasparenza;
  • flessibilità degli orari e contatto con il pubblico;

Ai fini di un migliore servizio per l’utenza, si può derogare dagli standard fissati.

Ufficio di presidenza

Il Dirigente riceve tutti i giorni. E’ affiancato e sostituito, ove necessario, dal Collaboratore Vicario e dalle funzioni strumentali

Segreteria

La segreteria, vista la dotazione organica del personale amministrativo, è aperta al pubblico nel seguente orario: dal lunedì al sabato dalle ore 10.30 alle ore 12.30, il martedì e il giovedì dalle 15.00 alle 17.30;

Iscrizioni

Le iscrizione alla classe prima avvengono secondo le modalità previste dalla normativa vigente: procedimento telematico .

Per gli studenti delle altre classi vale l’iscrizione automatica all’anno successivo. Devono comunque provvedere al versamento delle tasse scolastiche, se dovuto, utilizzando i bollettini distribuiti tramite i rappresentanti di classe.

La scuola prevede anche il versamento di un contributo volontario, il cui ammontare è deciso dal Consiglio di Istituto

Certificazioni e valutazioni

Il rilascio dei certificati è effettuato nel normale orario di apertura delle segreteria al pubblico entro il tempo massimo di 3 gg. lavorativi per certificati di iscrizione e di frequenza, di 5 gg lavorativi per certificazioni con votazioni e/o giudizi.

Comunicazioni e informazioni

La scuola assicura all'utente la tempestività nel contatto telefonico, stabilendo al proprio interno modalità di risposta che comprendono il nome dell'istituto, il nome e la qualifica di chi risponde, la persona o l’ufficio in grado di fornire le informazioni richieste. L’istituto fornisce ancora comunicazioni via e-mail e posta elettronica certificata. La scuola assicura spazi ben visibili adibiti all'informazione.

Ingresso e servizi

Presso l’ingresso e presso gli uffici devono essere presenti operatori scolastici in grado di fornire all'utenza le prime informazioni per la fruizione del servizio.

Tutti i dipendenti sono tenuti al rispetto della normativa in termini di privacy nel trattamento dei dati personali, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.


PARTE III 

Condizioni ambientali della scuola e sicurezza

L’ambiente scolastico deve essere pulito, accogliente, sicuro. Le condizioni di igiene e sicurezza dei locali e dei servizi devono garantire una permanenza a scuola confortevole per gli alunni e per il personale. Il personale ausiliario deve adoperarsi per garantire la costante igiene dei servizi.

La scuola si impegna, in particolare, a sensibilizzare le istituzioni interessate, al fine di garantire agli alunni la sicurezza interna. E’ predisposto e portato a conoscenza di tutti  (personale e alunni) un piano di evacuazione in caso di calamità.

Assistenza tecnica

L’utilizzo delle aule speciali e dei laboratori durante l’attività didattica è gestito  con calendario sin dall'inizio dell'anno scolastico. Tale utilizzo è altresì supportato dall'assistenza di personale qualificato (sia in organico che nominato annualmente). Durante l’attività extracurricolare ci si può avvalere di assistenza tecnica facendo richiesta scritta alla Presidenza e al Dirigente Amministrativo, che provvederà eventualmente alla trasmissione della richiesta al Consiglio d’Istituto, per quanto di competenza.


PARTE IV 

Procedura dei reclami e autovalutazione dell'Istituto

I reclami possono essere espressi in forma scritta, orale, telefonica o via e-mail e devono contenere generalità, indirizzo, reperibilità del proponente. I reclami orali, telefonici o via e-mail devono successivamente essere sottoscritti. I reclami anonimi non sono presi in considerazione, se non circostanziati. Il Dirigente Scolastico, dopo aver esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e, comunque, non oltre 30 giorni, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo. Qualora il reclamo non sia di competenza del Dirigente Scolastico, al reclamante sono fornite indicazioni circa il corretto destinatario.

Autovalutazione d’istituto. Allo scopo di raccogliere elementi utili alla valutazione del servizio, viene effettuata periodicamente una rilevazione mediante questionari, opportunamente tarati, rivolti ai genitori, al personale, agli alunni, ecc. miranti a raccogliere contributi per il miglioramento dell'efficacia e dell'efficienza del servizio e dell'offerta formativa.


PARTE V

Attuazione

Le indicazioni contenute nella presente Carta si applicano fino a quando non intervengono in materia disposizioni modificative  contenute nei contratti o in norme di leggi.

 

 

Letto 6791 volte